Riforme incostituzionali

Crediamo sia giunto il momento di spiegarvi perchè far girare su facebook questa immagine di Berlinguer, a sostegno delle riforme di Renzi, sia un insulto all’intelligenza:

12038073_10204981435284236_3408655354834225242_nSono almeno trentanni (non certo settanta come dicono il Premier e la ministraBoschi) che si cerca di superare il bicameralismo perfetto? sì. è più razionale avere una sola camera che legiferi più velocemente e senza il consueto ping pong fra le due nella stesura dei testi? sì. Dubitiamo tuttavia che Berlinguer si riferisse all’abbattimento di una camera lasciando la rimanente eletta con un premio di maggioranza “porcellum-style” (sul quale la Corte Costituzionale si è già pronunciata), con soglie di sbarramento “Turchia-style”, composto da nominati nelle segreterie di partito, in partiti che, dimenticato il centralismo democratico che poteva conoscere il PCI, sono ormai alla mercè degli interessi privati grazie all’abolizione del finanziamento pubblico, e di lotte intestine fra bande; lotte comunque molto raramente attinenti a qualche genere di ispirazione ideologica.

Occorre rafforzare il ruolo del Presidente del Consiglio? Forse. Occorre dotarsi di un esecutivo efficiente? E’ auspicabile. Ma cosa ne poteva sapere Berlinguer che chiuse le Frattocchie e la gloriosa scuola DC, la selezione della classe dirigente si sarebbe fatta nella taverna di Arcore ai tempi della sboccata italietta berlusconiana e fra le avvenenti figlie dei finanziatori delle campagne delle primarie nell’Italietta che “cambiaverso”?

Diciamo che, a nostro modesto parere, Berlinguer forse non avrebbe abbracciato entusiasticamente l’idea di mandare in vacca l’intero equilibrio costituzionale con il combinato disposto Italicum+riforma costituzionale: praticamente il partito che arriva primo, che negli scenari migliori rappresenta una esigua minoranza del paese (il 37%  dei votanti quindi il 22% circa del paese considerando l’astensione al 40%), si prende in un colpo solo la maggioranza dell’assemblea parlamentare con la quale controlla il potere legislativo, si elegge da solo il Presidente della Repubblica, capo del Consiglio Superiore della Magistratura, ottenendo così il potere giudiziario e forma il proprio governo attraverso il quale esercitare il potere esecutivo.

Potevate riesumare proprio solo un Berlinguer travisato e decontestualizzato per difendere una schifezza del genere, perchè anche l’ultimo dei liberali griderebbe al colpo di stato per molto ma molto meno.

What’s Left? Di questa vicenda cosa rimane? Rimane uno scempio della democrazia e i toni trionfalistici della sinistra PD che si accontenta di fare emendamenti che di poco o nulla inficiano il piano del Governo, arrendendosi ad una complicità che non fa bene nè ai suoi esponenti nè all’Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...